Quante volte ti hanno detto che era ora di finirla di fare pasticci?
Quante volte sei stata sgridata perché hai combinato un pasticcio?

Ebbene, vorrei ricordare che tutti i tipi di pasticci sono tra i piatti più prelibati in cucina, mille ricette per mille gusti e palati!

Mi piace paragonare la vita alla cucina perché nel femminile la bocca è collegata alla vagina, la vagina è collegata al cuore così come la bocca.
Insomma, siamo un unico canale che è predisposto per nascita al piacere!

A volte, però, per aprirsi totalmente al piacere è necessario mollare la nostra mente per abbandonarsi al flusso creativo che ha gli stessi movimenti dell’acqua e, avete presente come si riversa l’acqua di una cascata? In un bel pasticcio di onde, flutti, schizzi, vortici.

La nostra creatività ha bisogno di muoversi per aprire i nostri sensi al piacere, ha bisogno di respirare, di giocare, di danzare selvaggiamente.
Dobbiamo ricordare che la nostra natura femminile è, in questo senso, pasticciona, lo è in senso creativo, magico, sano.

E cosa c’è di più bello, sano e divertente ogni tanto di “pasticciare” un po’ per creare qualcosa di nuovo?

Sono certa che anche a voi, come a me, è capitato di creare e cucinare dei piatti strepitosi proprio nel momento in cui non abbiamo seguito a menadito la ricetta.
E’ successo perché ci siamo fidate, siamo state nel flusso creativo, arrendendoci con fiducia.

L’ingrediente magico è uno solo: la fiducia.

In un mondo che ci ha voluto sempre super perfette, tanto da separare il caos dall’ordine (sono parte della stessa sostanza), è tempo oggi di celebrare la dea pasticciona che in noi, quell’energia creativa femminile che “sa” far nascere dal caos la bellezza e condividerla con il mondo.

Ogni tanto si combina qualche pasticcio un po’ ovunque, con il nostro abbigliamento, trucco, nel lavoro, nelle relazioni, a volte cadiamo, rotoliamo, ci sentiamo buffe, un po’ impacciate, non sappiamo sempre cosa dire e cosa fare.
Amiamo la pasticciona che è in noi perché è quella parte bambina che ci fa sentire vive!
Quando il nostro cuore è sincero questo aspetto di noi viene per farci ridere, per sdrammatizzare, per aprirci ancora di più alla vita!

Oggi vorrei tanto quindi sfatare questo mito della super “dea” perfetta, ricordando a noi stesse che spesso è proprio da un bel pasticcio che si ricava il meglio di se.

Celebriamo la dea pasticciona!

Vi aspetto nei prossimi corsi dedicati al femminile sacro in ogni aspetto.

Con amore e pasticci, Giulia